Concorso Nazionale di poesia “Masio Lauretti” 2019, ecco i vincitori.

La cerimonia ha visto la premiazione di ragazzi da tutta Italia. La studentessa Alessandra Passarini di Aprilia trionfa con la poesia Meravigliosa Creatura.

Il giorno 19 maggio nell’Aula Consiliare del Comune di Aprilia si è tenuta la cerimonia di premiazione del Concorso di poesia “Masio Lauretti”, un progetto ideato dalla prof.ssa Franca Palmieri. Più di trecento ragazzi hanno partecipato, inviando le loro poesie dalle province di Latina, Perugia, Vicenza , Udine, Bari, Lecce, Barletta, Messina, Catania, Caserta, Roma, Frosinone, Viterbo, Arezzo, Milano,Torino. 90 di loro sono stati premiati.

Il Premio è stato sostenuto dall’Associazione Culturale Sfera, di cui è Presidente la prof.ssa Marilena Ferraro e patrocinato dal Comune di Aprilia. Ai primi tre classificati della sezione B, di cui facevano parte Aurora Salafica di Torino con la poesia Madre, carneficeAlice Giorni di Bassano del Grappa con SeminaValeria Mazzer di Latina con Sentieri tra la nuvole e ad Alessia Scalco di Vicenza, vincitrice dell’Ascolto empatico con la poesia Ascolto empatico è stato riservato un premio in denaro dall’Ordine dei Medici di Latina e Associazione Medica Apriliana.

E’ Alessandra Passarini di Aprilia, invece, a vincere la sezione A con Meravigliosa Creatura, secondo posto per Giulia Gerardi di Aprilia con Se ne avrò la forza e terza posizione per Maria Elena Torino di Roma con A te, Palazzo. Nel corso della cerimonia sono intervenuti i Consiglieri dell’OdM di Latina Dottor Silverio Guarino, la Dottoressa Deborah Vasta, il Dottor Aldo Pastore e la Vice Presidente Dottoressa Rita Salvatori.

Sono stati premiati con Menzioni d’Onore studenti di Aprilia, Fiumefreddo di Sicilia, Boville Ernica per la Sezione A e di Arezzo, Roma, Udine, Milano, Maddaloni per la Sezione B. Le Menzioni di Merito sono andate a studenti di Saponara, Aprilia, Roma per la sezione A e di Andria, Anzio, Nettuno, Aprilia, Roma per la Sezione B.

Gli studenti Selezionati, 33 per le medie e 22 per le Superiori provenivano da Aprilia, Lanuvio, Roma, Nocera Umbra, Fiumefreddo di Sicilia, Casarano, Altamura, Udine, Roma, Grottaferrata, Nettuno, Anzio, Latina, Viterbo, Andria.

Ospite d’onore il Presidente Onorario Beppe Costa, scrittore e poeta di fama internazionale i cui libri sono presenti in tutti le maggiori biblioteche del mondo, fondatore della Pellicanolibri diventata poi Libreria Pellicano e oggi Fondazione Costa in collaborazione con la Fondazione Daga, che ha pubblicato l’Antologia del Premio con le poesie vincitrici.

La Giuria, composta da Antonella Rizzo, docente scrittrice, poeta e giornalista, Giada Lauretti, Medico Chirurgo, Neuropsichiatra infantile, Psicoterapeuta dell’età evolutiva e dell’adulto, responsabile clinica dello studio clinico EMDR Terapia Roma, Terapeuta e Supervisore EMDR Europe., Francesca Barbaliscia, Assessora alle Politiche sociali, Pari opportunità e Sanità e C.I.L.O., Franca Palmieri, Presidente del Premio, docente di lettere, scrittrice e pedagogista e Sabina Battistuzzi, operatrice turistica, fondatrice di AudioKit, ha rilasciato questa dichiarazione:

Anche in questa edizione gli studenti delle scuole hanno partecipato con grande interesse da scuole molto distanti tra loro, ma con tematiche affini: l’amore nelle sue diverse sfaccettature, la guerra che sconvolge, la fuga dei migranti, la ricerca della propria identità, la povertà, la sintonia con la natura, gli affetti. Gli adolescenti hanno mostrato grande maturità di pensiero e doti artistiche con un linguaggio evocativo, intenso ed emozionante. Abbiamo letto i componimenti delle ragazze e dei ragazzi senza esprimere giudizi perché, anche se è necessario stilare una classifica di merito, lo spirito del Premio è soprattutto quello di portare alla luce la bellezza dei nostri giovani, capaci di sondare profondità incredibili e riemergere con una purezza di sentimenti che lascia senza fiato. Nella nostra società, e sembra anche nella scuola densa di progetti, purtroppo c’è poco spazio per la poesia che richiede tempi lunghi di comprensione e riflessione, oltre alla scarsa attenzione generale per la cura dello spirito. Noi vogliamo contrastare questa tendenza e premiare i docenti e i ragazzi che si dedicano alla poesia. Esprimiamo quindi grande soddisfazione per gli ottimi risultati ottenuti in questo Progetto a favore dei giovani e della cultura e come abbiamo scritto nel Bando:“In un mondo che volge sempre più alla violenza è fondamentale ricordare le bellezze della vita come la poesia che, oltre a sviluppare l’espressività, aiuta a conoscere la parte buona presente in ogni essere umano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *