Ipercoop in Via Mascagni: cosa ha portato a questa decisione?

Ancora una volta si è cercata una risposta a seguito della chiusura dell’Ipercoop in Via Mascagni, a fornire ulteriori dettagli è il presidente dei soci dell’Ipercoop, il sign. Rosario Grasso.

“Ci fu una prima vertenza di un anno e mezzo fa dovuto alla crisi di UniTirreno, che da anni stava
registrando un bilancio negativo; questo portò tantissime proteste da parte dei sindacati e dei
dipendenti, con decine di manifestazioni contro la chiusura del negozio –afferma il signor Grasso– Nel gennaio 2019 si riuscì a spostare la probabile chiusura della Coop di Via Mascagni a fine 2019, ma a maggio sono stati
diffusi dei comunicati con le date di chiusura di 4 punti vendita: Pomezia (cessazione attività 1/6),
Aprilia via Mascagni (29 giugno), Velletri (8 giugno) e Frosinone (tra il 16 e 20 giugno). Era stato
prevista anche la chiusura di altri quattro punti, quelli di Genzano, Fiuggi, Colleferro e Pomezia al
centro commerciale “Sedici Pini”, ma più avanti si è deciso soltanto di ridimensionarli di spazio,
come nel caso del negozio ad Aprilia 2, per cercare di sopperire ai costi. Ad oggi quello di Fiuggi è
l’unico con un bilancio economico in positivo.”

 

“Naturalmente questo ridimensionamento – procede il presidente dei soci- favorisce il personale in esubero: va specificato, però, che i dipendenti non sono stati licenziati: a tutto il personale in esubero è stata data l’opportunità
di interrompere la collaborazione, percependo la liquidazione e degli incentivi, oppure di
continuare il rapporto lavorativo trasferendosi in altri negozi del Lazio.”

“Per i quattro punti vendita “chiusi” (Aprilia, Pomezia, Velletri e Frosinone) non si esclude la possibilità di riapertura: le strutture, infatti, sono ancora di proprietà dell’azienda Coop. Le chiusure
attuali sono state effettuate per cercare di sanare i conti negativi dell’azienda, o quantomeno per
cercare di azzerare i costi. Se verranno saldati (e già sono in ripresa) è possibile che questi negozi
possano riaprire e riprendere la normale attività.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *