Pini di Aprilia a rischio: il “Blastofago” minaccia la popolazione verde.

Pini domestici, storici alberi di Aprilia, sono oggetto di un intervento di Aprilia Possibile. Il movimento evidenzia la presenza di un pericoloso parassita che ha già attaccato le piante del comune di Anzio.

Negli anni passati la frazione Lido dei Pini del comune di Anzio, è stata assediata dal Blastofago dei pini, parassita che colpisce il Pinus pinea , comunemente chiamato “Pino domestico” che porta alla morte della specie stessa. Il problema, presente già da anni, è tornato in queste settimane all’attenzione del Comune in questione, tanto che è stato disposto l’abbattimento di 30 Pini domestici collocati nella Pineta della Gallinara, famosa appunto per la sua monocoltura. La situazione sembra essere alquanto seria e non si esclude che il patogeno possa aver raggiunto anche i territori dei Comuni limitrofi. L’insetto inoltre presenta una pericolosità confermata dalla lotta obbligatoria imposta dalla Regione Lazio.

Vista dunque la vicinanza della frazione di Lido dei Pini al territorio apriliano, invitiamo l’Amministrazione a prendere informazioni sulla minaccia del parassita e a svolgere azioni di monitoraggio e prevenzione contro l’insediamento del patogeno nel nostro Comune. Invitiamo, inoltre, a valutare, una collaborazione con le località colpite al fine di contenere il problema ed evitare spese future che possano influire pesantemente sul bilancio arboreo ed economico dei prossimi anni. A questo proposito, rinnoviamo l’invito affinché l’Amministrazione provveda quanto prima all’elaborazione di un censimento del patrimonio arboreo (disposto dalla Legge 10/2013): un documento che aiuterebbe a monitorare e mantenere costantemente aggiornato il numero dei pini e di altre specie arboree presenti localmente. Un percorso consigliato dal Ministero dell’Ambiente nelle “Linee guida per la gestione del verde urbano”. Ricordiamo che il “Pino domestico” è un rappresentante storico legato alla nascita di Aprilia. Per tale va protetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *