I Liberi Cantores hanno festeggiato 20 anni.

I Festeggiamenti musicali del 15 Giugno presso il Teatro della I.C.G. Pascoli di Aprilia.

Si sono autocelebrati e hanno ringraziato, i Liberi Cantores, con il concerto del 15 Giugno. Si apre, così, il ventesimo anno della squadra, proponendo anche nuove tappe e occasioni come ad esempio quella di Aldeno, nel Trentino: il Sindaco di Aldeno, presente in sala insieme agli assessori Elvis Martino e Francesca Barbaliscia, ha annunciato un prossimo “gemellaggio” fra le due municipalità invitando il Coro ad esibirsi nella data dell’ufficializzazione, prevista per il prossimo autunno.
Sarò presente il 27 Settembre in occasione dei festeggiamenti di San Michele. Nella metà di Ottobre, i Liberi Cantores, si esibiranno nella consueta serata “In rosa per Maria” in collaborazione con l’assessorato alle Politiche Sociali e l’ANDOS di Aprilia, per il sostegno alle donne operate per tumore al seno.
Fine ottobre alle 13ma edizione della rassegna Terra Pontina in-Canto.
A Novembre, poi, il Coro sarà in trasferta per 3 giorni a Matera, capitale della Cultura del 2019, con l’esecuzione di vari concerti nel Palazzo Lanfranchi e nella Cattedrale.
E infine in occasione delle feste natalizie e per continuare il tradizionale Candlelight, giunto alla 19a edizione, è in previsione un’edizione speciale con una “due giorni” di musica.

Dopo i saluti e i ringraziamenti alle Autorità presenti, il compleanno è proseguito alternando i canti dei Liberi Cantores con l’esibizione dei gruppi ospiti: il Coro PASCOLI, coro di voci bianche, composto dagli alunni dell’Istituto omonimo di Aprilia, che hanno proposto 3 brani di cui uno segnato con la lingua dei segni, l’ensemble vocale SUNRISE, un sestetto di promettenti giovanissime ragazze e l’ottetto vocale A MODO NOSTRO, ultima creatura del M° Rita Nuti, nato da appena un mese e formato dalle mamme delle ragazze Sunrise e del coro Pascoli.
Dunque tutte le formazioni che hanno partecipato alla festa sono legate al Coro Liberi Cantores da rapporti di amicizia e collaborazione e soprattutto perché guidate dallo stesso direttore Rita Nuti, che, come ha detto Katia Sartori presentatrice della serata, “riesce a preparare e a far cantare qualsiasi persona, anche se digiuna di musica”.
I Liberi Cantores hanno presentato un repertorio in parte nostalgico, con brani popolari ricchi di sentimento ( in particolare uno di essi dedicato al ricordo di tre coristi perduti), in parte divertente con brani molto conosciuti come “volare” e “ma l’amore no” che hanno stimolato il pubblico stesso ad unirsi nel canto.
Dopo l’ultimo brano, eseguito a cori riuniti, che ha visto sul palco raggruppate 3 generazioni di cantori, con età comprese tra i 10 e gli 80 anni, i festeggiamenti si sono conclusi con l’omaggio da parte dell’Amministrazione comunale, di una acquaforte numerata dell’artista Massimiliano Drisaldi.
A sorpresa la serata si è prolungata con un brindisi generale. mentre i coristi confusi nel pubblico continuavano ancora a cantare Tourdion, antica canzone conviviale appropriata al momento festoso conclusivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *