Rifiuti, arriva il “sì” per il Consorzio tra i Comuni della Provincia.

Approvato nella giornata di ieri il protocollo di intesa che dà il via libera alla creazione del Consorzio tra i Comuni della Provincia.

È stato approvato questa mattina a Latina il protocollo di intesa che segna l’avvio della costituzione del Consorzio tra i Comuni della Provincia per la gestione del ciclo dei rifiuti.

Il protocollo è stato già firmato dai Sindaci del Comitato ristretto che si è occupato della stesura della bozza, inclusi i primi cittadini di Aprilia e Latina. Il Presidente della Provincia sta già raccogliendo le firme di tutti gli altri Comuni del territorio.

Il documento che avvia la costituzione del Consorzio Pubblico si ispira esplicitamente ai principi dell’Economia Circolare: tra i suoi obiettivi, non vi è solo l’individuazione concertata di aree da dedicare allo stoccaggio dei rifiuti, ma anche attività condivise di informazione della cittadinanza sulle buone pratiche, incentivi per raggiungere gli obiettivi posti dall’UE in tema di rifiuti, la condivisione di best practices sulla raccolta differenziata, sulla tariffa puntuale e sui centri di raccolta, la bonifica e il recupero di ex discariche e cave dismesse, la costruzione di impianti di trattamento dei materiali di riciclo e di centri del riuso, le attività di controllo sugli impianti capaci di garantire un ritorno economico per le comunità locali.

Ogni Comune si impegnerà a fornire i dati relativi alla produzione di rifiuti e alla raccolta differenziata sul proprio territorio, così come a segnalare l’impiantistica pubblica già esistente o riattivabile e a condividere le competenze maturate negli anni all’interno delle proprie aziende di gestione dei rifiuti.

“Il documento approvato oggi rappresenta un punto di svolta importante – commenta il Sindaco di Aprilia Antonio Terra – ci consente finalmente di avviare l’iter per porre la gestione dei rifiuti in mano pubblica, per pianificare in autonomia la chiusura in Provincia del ciclo dei rifiuti. Si eviterà così il ricorso ai poteri sostitutivi da parte della Regione, che in passato ha spesso comportato scelte calate dall’alto sui nostri territori, senza considerare l’impatto e i reali bisogni. Il protocollo di intesa approvato e già sottoscritto stamattina dai Sindaci presenti, ha inoltre il grande merito di guardare lontano: permetterà di attivare meccanismi virtuosi per traghettare i nostri Comuni verso una vera Economia Circolare, capace di ridurre i rifiuti prodotti e di raggiungere agevolmente – a partire dalle buone pratiche già presenti sul territorio – gli obiettivi delineati dalle politiche comunitarie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *